Idromele, una bevanda che arriva dal passato - Blog - Il miele di nonno Lello

Vai ai contenuti

Menu principale:

Idromele, una bevanda che arriva dal passato

Il miele di nonno Lello
Pubblicato da in prodotti dell'alveare ·


“In  tante notti d’inverno, una candela di cera sulla tavola e un fuoco di  ciocchi nella stufa di terracotta, il vecchio apicoltore accoglieva i  suoi ospiti o dava conforto alla sua anima con una coppa di idromele.  Una casa semplice, ma un bere ricco; molto amichevole la chiacchierata  intorno al fuoco, assai stimolante il liquore..."
Padre Adam (monaco benedettino e apicoltore all'Abbazia di Buckfast)

Dal greco ὕδωρ, hýdor "acqua" e μέλι, méli "miele", L’ Idromele (noto anche come "la bevanda degli dei") viene prodotto dalla naturale fermentazione di un mosto di acqua e miele. La sua storia antichissima, è affascinante ed avvolta nel mistero. E' ancor più antico della birra e del vino in quanto prima di essere coltivatore di grano e vite l'uomo fu raccoglitore di miele.

Nella tradizione antica era abitudine donare alle coppie appena sposate idromele da consumare durante il primo ciclo lunare da sposi (un mese circa), in modo da assicurare felicità e fertilità alla coppia. Probabilmente da questo deriva il termine "luna di miele".
Sebbene così diffuso nell'antichità, oggi è un prodotto particolarmente di nicchia. Probabilmente la princpiale motivazione fu l'arrivo della vite e la produzione di vino, economicamente più vantaggiosa; inoltre il vino era strettamente legato anche al Cristianesimo (eucarestia) e l'idromele era vista come una bevanda pagana.

Dal XIX secolo nasce un idormele 'moderno', figlio della scoperta dei lieviti e degli studi enologici, sicuramente di migliore qualità rispetto a quello prootto nel passato. Condivide oggi tecnologie produttive con il vino, differnziandosi principalmente per la materia prima utilizzata (miele / uva). La lavorazione prevede varie fasi: la preparazione del mosto, l'aggiunta di lieviti seguita dalla fermentazione, l'affinamento e l'imottigliamento.

Proporio per la lavorazione analoga al vino, l'idromele per alcuni aspetti si presente simile, anche se la parte aromatica e cromatica del miele sono protagonisti.
L'idromele ha sicuramente un gusto molto complesso (con note dolci ,fruttate e speziate), raramente si coglie tutto al primo assaggio. La temperatura di servizio è tra gli 8° e 10 ° C. Si accompagna a tavola con formaggi e con pasticceria fresca o secca (fantastico con i cantucci o con i nostri biscotti al miele); ottimo anche da meditazione, assaporatelo davanti al camino!



Nessun commento


ISCRIVITI ALLA NOSTRA
NEWSLETTER:


Il miele di nonno Lello di Bizzocchi Manuel Via Roma Sud 99 42030 Vezzano sul Crostolo CF BZZMNL81D16F463F P.IVA 02712970355
INDIRIZZO:

Via Martiri della libertà 9
42030 Vezzano sul Crostolo

I NOSTRI MERCATI

Lunedì mattina:   Castelnovo Monti
Sabato mattina:   Reggio Emilia
2° Sabato del mese:  Bibbiano
TEL +39 346 84 08 711
Email info@ilmieledinonnolello.it
Torna ai contenuti | Torna al menu